Lazio, Reina: “Obiettivo? Giocare come il Napoli di Sarri. Io titolare...“

Lazio, Reina: “Obiettivo? Giocare come il Napoli di Sarri. Io titolare...“

AURONZO DI CADORE - PEPE REINA pronto a difendere la Lazio ancora una volta. Anche il portiere spagnolo è carico per la nuova sfida con Maurizio Sarri, tecnico che conosce molto bene. E in conferenza stampa direttamente dal ritiro di Auronzo, ha raccontato i primi momenti sotto le Tre Cime di Lavaredo e non solo. Ovviamente è impossibile non parlare della vittoria dell’Italia: “Faccio i complimenti ai ragazzi, sono contento perché è un Paese di adozione per me, questo sarà l’ottavo anno in Italia. Sono felice come se fossi quasi uno di loro, hanno battuto la Spagna, giusto dunque che siano loro i campioni. AI RAGAZZI ABBIAMO MANDATO UN MESSAGGIO DI STIMA E AUGURI, È UN TRAGUARDO IMPORTANTE E MERITATO”.

LAZIO, PARLA PEPE REINA

“Con Sarri faremo in modo di accorciare al massimo i tempi per adattarci alle sue idee, capire al più presto la sua filosofia. Un pochino ci vuole, dopo cinque anni si gioca in un modo molto diverso rispetto a Inzaghi, serve pazienza, faremo in modo tutti di accorciare i tempi con la consapevolezza che nulla è scontato. Io e Hysaj siamo più avanti rispetto agli altri per dare una mano e dare consigli, lo conosciamo perfettamente il tecnico, questo è un gruppo che dà grandissima disponibilità, cercheremo di metterci in moto presto, è un calcio che mi auguro sia bellissimo, che sia una gioia da vedere, L’OBIETTIVO È ARRIVARE COME SI GIOCAVA UNA VOLTA CON IL NAPOLI. Pregi e difetti? Non mi azzardo a dire pregi e difetti, altrimenti mi mena. Sarri è un perfezionista, lavora tantissimo per arrivare alla perfezione, allo stesso tempo è un pregio e un difetto. Anche lui dovrà avere un po’ di pazienza, sfrutterà al massimo i singoli. Con Strakosha abbiamo un rapporto sincero, di amicizia, cerchiamo ognuno di mettere il 110% per la squadra, chi giocherà o meno lo deciderà l’allenatore. Faremo il massimo per dare il nostro contributo, chi starà meglio giocherà, sarà utile per il collettivo”.

SARRI E I PORTIERI: REINA SPIEGA

“Il titolare? Non sappiamo chi lo sia tra me e Thomas. Sarri è un insegnante di calcio. Fa bene ovunque va, l’ha già dimostrato, è un uomo di risultati e di garanzia. Il ruolo del portiere è sempre più diverso ogni anno, cerca di completarsi, si comanda tutto da dietro. IL BARICENTRO CON SARRI SARÀ PIÙ ALTO, LA LINEA DOVREMO COMANDARLA DIVERSAMENTE. L’impostazione da dietro è sempre importante nel calcio attuale, con lui in panchina lo sarà ancora di più. Dovremo essere bravi con manovra da dietro, poi ad un portiere si chiede di parare e di dare sicurezza alla propria squadra”. [Lazio, che sintonia Reina-Strakosha: Sarri in buone mani] Guarda la gallery Lazio, che sintonia Reina-Strakosha: Sarri in buone mani

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/lazio/2021/07/12-83551347/lazio_reina_obiettivo_giocare_come_il_napoli_di_sarri_io_titolare_/

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: